La forza del carattere
di J.Hillman

Hillman è stato un grande intellettuale. Psicoanalista indipendente, filosofo, saggista, ha coltivato per tutta la sua lunga vita un'idea di cultura “aperta”. Aperta nell'accogliere l'eredità della classicità e nel trovare sempre nuovi germogli nelle sue profonde radici. Aperta nel rifiuto di limitarsi dentro schemi di scuole di pensiero. Aperta nel sondare l’umano con inesausta curiosità.
La forza del carattere è stato pubblicato nel 1999, quando l'autore aveva 73 anni. Si tratta di una riflessione sulla vecchiaia che ribalta i luoghi comuni, invitando a distinguere l'invecchiamento dalla decadenza del corpo.
Le idee che abbiamo sulla vecchiaia devono essere sostituite, scrive Hillman, come un'anca che non che sostiene più. È inutile anche “psicologizzarla”. Bisogna piuttosto trovare l'anima che ha dentro e restituirle la sua nobile funzione che non ha nulla a che vedere con la biologia. «Invecchiare non è un accidente» ma qualcosa di molto più intrigante e sorprendente. È la condizione necessaria per lo svelamento del carattere. O meglio, della sua forza.  

Gruppo di lettura Sopra60 – 1 febbraio 2017, ore 15,00/17,00
presso le Biblioteche Civiche Torinesi – Sede Centro, Piazzetta dei Maestri  Minusieri, 2 , Torino Seguiranno altri 3 incontri, il primo mercoledi di ogni mese