I “nuovi anziani”
nello specchio degli spot.

Mano nella mano sulla battigia, al tramonto; lui pantaloni bianchi arrotolati sul polpaccio elastico, lei silhouette da trentenne e sguardo sbarazzino sotto il cappello di paglia.
Sorridenti, dentatura smagliante, mollemente appoggiati alla balaustra di una nave da crociera, un calice di bianco in mano, con il braccio libero lui le cinge la vita sottile.
Ambiente luminoso e minimal, gli occhi sgranati di infantile meraviglia davanti allo schermo di un computer.
Ecco qualche esempio dello stereotipo del “nuovo anziano”. La realtà è altra cosa, perché loro due generalmente non camminano insieme con i piedi nell'acqua fuori stagione: lei ha un'artrosi che con l'umido peggiora, lui si annoia a camminare senza una meta ed è insensibile al tramonto. In crociera, un calice di bianco ci sta: in cabina c'è il soccorso del Malox, ma a lui non viene in mente di cingerle la vita e lei non sceglierà quel viaggio per una qualche aspettativa ma perché è in offerta speciale.
Quanto al computer, lei se ne interessa poco, lui ci prova con più tigna, soprattutto quando è solo in casa, ma è senz'altro più abile con il telecomando TV, usato con la destrezza di Clint Eastwood con la pistola nello Straniero senza nome. In ogni caso, negli occhi, nessuna meraviglia.  

Ai creativi che cercano di spacciare illusioni a noi, ai baby boomers smaliziati che hanno già abbondantemente abboccato alle loro esche al punto da sviluppare l’immunizzazione, vorremmo suggerire un pizzico di realismo. L’esuberante freschezza che ci spacciate come un Rolex da bancarella ci irrita e un po’ ci offende. Rivendichiamo un valore che prescinde dall’imbarazzante imitazione della giovinezza. Osservateci come siamo, con le nostre pancette, i denti un po' ingialliti, i capelli diradati, tutte cosette che prima o poi vi ritroverete anche voi. Guardate oltre le forzature del giovanilismo fasullo e parlateci senza la retorica pubblicitaria che con noi non attacca.
Siamo “vissuti”, siamo esperti anche di consumi, volete capirlo? Se foste così coraggiosi da proporci la vostra merce senza ridicole messe in scena, ne verreste premiati.